Holter pressorio (monitoraggio pressorio delle 24 ore ): cos'è e quando è importante farlo

Che cos’è ?

Il monitoraggio pressorio delle 24 ore (Holter Pressorio o ABPM) è un test non invasivo che consente di registrare la pressione arteriosa continuativamente per 24 ore, mediante un piccolo apparecchio (grande più o meno come un “Walkman”) fissato in vita con una cintura.


A cosa serve?

Il monitoraggio pressorio (holter pressorio) è molto utile in diverse situazioni:

  • nei pazienti che hanno una ipertensione arteriosa instabile (in cui cioè i valori della pressione arteriosa variano molto da un momento all’altro)

  • nei pazienti facilmente emozionabili, che di fronte al “camice bianco” del medico hanno sbalzi pressori, ma che a casa hanno una pressione normale

  • nei pazienti ipertesi in terapia farmacologica, per controllare che il farmaco agisca in ogni momento della giornata, e non solo per alcune ore (la pressione alta infatti, danneggia le arterie anche se rimane alta solo per alcune ore della giornata)

  • nei pazienti che, pur avendo la pressione arteriosa normale, durante il giorno accusano sintomi che possono far pensare ad improvvisi aumenti o diminuzioni della pressione (vertigini, sbandamenti, vampate, sudore freddo, senso di svenimento, “testa vuota”, sanguinamento dal naso ecc.)

  • nei pazienti ipertesi che prendono medicine per abbassare la pressione ed accusano saltuariamente dei disturbi, per capire se i disturbi sono legati ad un eccessiva diminuzione della pressione (ed in questo caso bisogna ridurre il dosaggio della terapia) oppure ad altre cause

  • in gravidanza , per poter effettuare diagnosi accurata e certa di ipertensione gestazionale

  • in pazienti giovani , come esame di screening prima dell'inizio della terapia contraccettiva , ( se la misurazione unica dal medico o ginecologo di fiducia rileva valori borderline o fuori range di norma)



Come si effettua l’esame?

Per una installazione ottimale dell’apparecchio dell’ holter pressorio, è opportuno vestirsi con indumenti non aderenti, che permettano di nascondere il piccolo apparecchio ed il bracciale.

Il giorno dell’inizio dell’esame, il medico sistema

apparecchio e bracciale sul paziente, inserisce gli opportuni parametri nell’apparecchio e lo avvia.


Il paziente indosserà l’apparecchio per 24 ore, annotando su un foglio ogni dato utile (attività svolta, impegno mentale, sintomi o disturbi accusati).

Durante il periodo di esame, la pressione verrà misurata automaticamente ogni 15 minuti di giorno e ogni 30 minuti di notte, ma il paziente potrà sempre avviare una misurazione manualmente in caso si presenti un particolare disturbo (vertigine, senso di svenimento ecc. ecc.).

Trascorse le 24 ore, il paziente tornerà dal medico che smonterà l’apparecchio ed esaminerà con l’aiuto di un computer, i dati memorizzati.


Abitualmente la risposta viene data il giorno successivo al termine dell’esame.

L’esame viene riassunto in 7 pagine, comprensive di tutte le misurazioni effettuate e di elaborazioni grafiche di tutti i dati acquisiti nelle 24 ore.

80 visualizzazioni0 commenti